Quello che non vale niente

 

La Storia ci racconta che, un giorno, un uomo decise di eliminare dalla terra tutti quelli che non erano puri, tutti quelli che avevano difetti, tutti quelli che appartenevano a un determinato popolo.

Sembra impossibile riuscire a ragionare a quel modo. Fa indignare. Spinge a ripugnare tale pensiero come selettivo e disgustoso.

Eppure...

Quand’ero bambino e si giocava a calcio in patronato o tra amici, al momento di fare le squadre si cominciava a scegliere sempre i migliori. Gli ultimi erano quelli meno bravi.

Se un professore vuole aumentare la sua autostima interroga il migliore della classe che risponderà a tutte le domande e mostrerà che la spiegazione è stata ottima.

Vogliamo avere sempre accanto a noi quello che ci fa sorridere, quello che è estroverso, quello che ha qualcosa che lo fa eccellere in positivo, quello che vince. E tutti gli altri?

La Storia ci racconta anche che, un giorno, l’Onnipotente ha voluto far ascoltare la sua voce direttamente. Non più attraverso intermediari.

Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo”.

Il Figlio dell’Altissimo, colui che è il Verbo del Padre, si fa bambino che piagnucola, ha fame, non ha un lettino... non riesce a dire neanche una parola. Lui, il Verbo del Padre.

Sembra impossibile (se non conoscessimo il finale della storia) che Dio, l’Onnipotente, scelga uno strumento (un bambino) tanto semplice e tanto povero per parlare con gli uomini.

Eppure...

L’Avvento è definito tempo dell’attesa. Attesa: vuol dire aspettare, ma anche prepararsi ad accogliere un bimbo che non parla subito, che chiede di essere preso in braccio e coccolato. Che piange. Che sorride. Che si lamenta. Che ti fa sentire il suo affetto.

...

Come aspettare e prepararmi a questa enorme gioia?

Prova a dare attenzione a tutte quelle persone che ti sono attorno, ma che “non valgono niente”. Passano inosservate, ma ci sono tutti i giorni. Non dai loro importanza perché dicono sempre le stesse cose. Perché sono in un angolo che piangono. Perché sono deboli e non vogliono alzarsi. Perché hanno paura. Perché stanno aspettando un abbraccio o semplicemente un po’ di attenzione. Perché frignano come i bambini, ma sono già anziani. Perché non dicono niente, non riescono a parlare, ma stanno soffrendo.

“Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù”.

Attendere colui che all’apparenza non vale niente, ma è Voce dell’Onnipotente vuol dire cominciare a dare voce a tutti quelli che non sono vincenti, che forse non chiameresti mai nella tua squadra, che non hanno nessuna qualità particolare, che anzi hanno la solita faccia triste.

Papa Francesco così scrive in questi giorni: “Non possiamo sentirci ‘a posto’ quando un membro della famiglia umana è relegato nelle retrovie e diventa un’ombra”.

Chi è quel qualcuno nelle retrovie o nell’ombra che incontri al lavoro, per strada, all’università, al supermercato, in chiesa, in farmacia, al caffè...?

Ti auguro di vivere pienamente questo tempo di Avvento cercando di essere attento a “quello che non vale niente”, ma che forse è Voce dell’Onnipotente. Sarai così pronto e capace di ascoltare anche la Voce di un bimbo che non parla, ma ha tante cose da dirti perché è “Figlio dell’Altissimo”.

 

Dicembre
2020

 

VITA DELLA COMUNITA’ PARROCCHIALE

 

APPUNTAMENTI

 

Carità parrocchiale

La Chiesa italiana, attraverso l’8x1000, vista l’emergenza sanitaria e le difficoltà economiche delle parrocchie, ha stanziato un valore per ogni Diocesi e che solitamente è assegnato per le opere di restauro delle chiese. La nostra Diocesi ha destinato una parte del valore ricevuto alle parrocchie e una parte a sostegno di persone e famiglie in difficoltà. Perciò stiamo analizzando varie situazioni e ascoltando le necessità di alcune persone. Sempre per questo motivo abbiamo anche fatto una raccolta (740,00 euro) in chiesa Domenica scorsa, tuttavia in fondo alla chiesa resterà comunque la cassettina della carità per chi volesse dare il suo contributo anche nelle prossime settimane. Inoltre, in questo tempo di Avvento, per chi lo desidera, c’è la possibilità di aiutare attraverso la condivisione di alimenti che possiamo portare in chiesa alla Domenica o durante la settimana, lasciandoli vicino al fonte battesimale. Sappiamo che la carità è il modo migliore e concreto per vivere la nostra fede. Grazie a tutti.

 

Nuova edizione del Messale romano

Con la prima Domenica di Avvento, tutte le chiese del triveneto cominceranno ad usare la nuova edizione del Messale romano, che porterà alcuni cambiamenti nella celebrazione della S. Messa con alcune “parole” nuove (la traduzione del Padre nostro più fedele all’originale) e altre attenzioni... nella speranza che il tutto ci aiuti a celebrare con più coscienza il grande mistero eucaristico.

 

Chiarastella

Quest’anno, purtroppo, non potremmo passare a cantare quel bell’annuncio di Natale che ogni anno, sfidando il freddo, portavamo di casa in casa, assieme al calendario parrocchiale. Ci dispiace. Ma con il prossimo volantino confidiamo di riuscire a inviare il nuovo calendario, che sappiamo gradito da tanti.

 

Cammino di Iniziazione Cristiana

Dopo la sospensione in attenzione al crescere dei casi di positività anche nel nostro paese, Sabato 5 dicembre riprendiamo secondo gli orari consueti, così da prepararci adeguatamente a vivere questo tempo di Avvento e il Natale. Nel frattempo ringraziamo il Signore per le tappe vissute. I ragazzi del 5o gruppo hanno vissuto la 1a Confessione: è stato un momento bello e sentito dai ragazzi e dai genitori. I bambini del 3° gruppo, invece, hanno ricevuto il CREDO Domenica 22 novembre, come segno della loro volontà di crescere in questo cammino di fede e di fiducia nel Signore in mezzo alle gioie, ma soprattutto alle fatiche quotidiane. Sabato 5 dicembre alla S. Messa delle 18.30 ci saranno i ragazzi del 4° gruppo che riceveranno la preghiera del PADRE NOSTRO: possa essere segno del loro desiderio di rimanere uniti a Dio Padre nella preghiera ogni giorno, per vivere tutto quello che dicono queste parole che Gesù stesso ci ha lasciato.

 

Azione Cattolica

Da Sabato 5 dicembre sarà possibile tesserarsi all’Azione Cattolica: il Sabato dopo il catechismo e la Domenica dopo la Messa delle 10 ci saranno gli animatori. Per chi lo desidera è possibile tesserarsi anche online seguendo le istruzioni sul sito www.acpadova.it/articoli/adesioni-2020. Per qualsiasi problema si possono contattare gli animatori.

Ricordo che i gruppi di Azione Cattolica delle classi medie e superiori sono iniziati e stanno continuando anche in questo periodo secondo i giorni e gli orari consueti.

 

Ammalati

Ci proponiamo la visita e la comunione agli ammalati prima di Natale (non il 1° Venerdì del mese). Se qualcuno non se la sentisse di ricevere i ministri in casa, vista la situazione sanitaria che stiamo vivendo, ci avvisi. Continuiamo comunque nel ricordo di tutti gli anziani e ammalati nella preghiera quotidiana delle lodi.

 

Casa dei giovani

In attesa del nuovo decreto e delle nuove disposizioni, riapriamo il bar della casa dei giovani solo alla Domenica mattina, nella speranza di poterlo riaprire anche durante la settimana quanto prima. Inizieremo da Domenica 29 novembre.

 

Progetto “Prima le mamme e i bambini”

Nel mese di novembre, per il progetto “Prima le mamme e i bambini”, promosso dal CUAMM, Medici con l’Africa, abbiamo raccolto 730,00 euro. Grazie a tutti.

 

Foglietto Parrocchiale

Foglietto Vicariale

Clicca sui pulsanti sottostanti per scaricare nel tuo computer i PDF dei Foglietti

^ TOP

Parrocchia di Santa Giustina - Pernumia

Via Castello, 1 - 35020 Pernumia (PD)

Tel. e Fax Canonica: 0429 779048 - e-mail: santagiustinap@gmail.com

Credits: Paola Nardi

Privacy Policy